Slack facilita il rientro in ufficio grazie a WeWork All Access

I dipendenti Slack di New York non vedevano l’ora di tornare a collaborare di persona. E perciò hanno trovato un modo creativo per riuscirci

Il nostro modo di lavorare è radicalmente cambiato. Le riunioni virtuali e lo smart working sono diventati la norma sul posto di lavoro. Come riescono le persone a trovare un equilibrio tra lavoro e vita privata quando casa e ufficio sono un tutt’uno? Come riescono a rimanere concentrate di fronte alle preoccupazioni per la salute e la sicurezza? In  Il nuovo mondo del lavoro, le persone raccontano la loro esperienza su come si stanno muovendo e con quali risultati a livello professionale, utilizzando strumenti come WeWork All Access e WeWork On Demand per affrontare la nuova normalità.

Dopo un anno di lavoro da remoto, molte aziende hanno iniziato a sperimentare come tornare a lavorare in ufficio, spesso in forma di modalità ibrida per far sentire quanto più possibile a proprio agio i dipendenti. I casi dovuti alla pandemia aumentano e diminuiscono senza alcuna certezza su ciò che potrà succedere e sembra che tutti si adattino alle nuove informazioni man mano che trascorrono i mesi.

I dipendenti di Slack, strumento di collaborazione digitale, stanno cercando di trovare nuovi modi per mantenere viva una sana collaborazione e flessibilità al lavoro, utilizzando i pass WeWork All Access insieme a canali Slack dedicati al lavoro collettivo in presenza.

Tutto ha avuto inizio quando i contratti per gli uffici WeWork di Slack a New York sono scaduti all’inizio di quest’anno. Non era ancora chiaro se sarebbero rientrati tutti in ufficio abbastanza presto. Alla fine l’azienda ha deciso di non rinnovare subito i contratti d’affitto e di non chiedere a nessuno di rientrare in sede. Tuttavia voleva offrire ai dipendenti la possibilità di scegliere, soprattutto dopo un anno trascorso a lavorare a casa, spesso in piccoli appartamenti.

Slack ha deciso quindi di offrire ai dipendenti i pass WeWork All Access come benefit, che consentono di accedere a centinaia di sedi WeWork in ogni parte del mondo, tra cui diverse decine a New York. In questo modo, il personale avrebbe potuto scegliere di lavorare in ufficio o meno, selezionando la sede preferita senza sentire alcun obbligo nel fare qualcosa in cui non si sentiva a proprio agio.

Si è trattato di un benefit veramente vantaggioso e i dipendenti ne hanno approfittato subito per riunirsi e collaborare di persona. Una dipendente ha immediatamente avviato un canale Slack interno, tramite il quale era possibile collegarsi e programmare un incontro presso una determinata sede WeWork. 

È stata Jess LaTorre, senior customer success manager di Slack, ad avere l’idea presso la sede WeWork 154 W 14th St. Ha contribuito a moderare il canale e ha organizzato diversi gruppi per le varie sedi WeWork. Nessuno le ha chiesto di farlo. Le sembrava semplicemente che fosse la cosa giusta per aiutare i colleghi a lavorare in un clima migliorato.

1
2
3
1. Jess LaTorre lavora con i colleghi presso la sede WeWork 154 W 14th St di New York. 2. Brit Ferguson e Shivam Patel si incontrano di persona nell’area comune. 3. L’accesso a diverse sedi WeWork aiuta i dipendenti Slack a collaborare ai progetti. Fotografie di Katelyn Perry.

“Attualmente mi dedico con passione a questo impegno oltre a svolgere le mie le mie mansioni in Slack – ha affermato LaTorre – Ho scoperto il valore di tutto questo perché mi dà energia stare con altra gente e volevo veramente conoscere i miei colleghi più da vicino”. 

Attualmente a New York sono 108 i membri che utilizzano il canale Slack #nyc-wework-matchmakers per sapere in quali edifici WeWork le persone si recheranno e in quali date. 

“Slack ha una cultura aziendale molto solida, ma si può fare ancora molto per preservare la cultura da remoto” ha dichiarato LaTorre, che si autodefinisce “fanatica della cultura aziendale”. “Il mio desiderio è aiutare i colleghi a passare da un ambiente di lavoro esclusivamente in remoto a uno ibrido, durante il periodo di ritorno in ufficio”. 

L’importanza del canale Slack #nyc-wework-matchmakers è stata inestimabile per Brit Ferguson, anche lei senior customer success manager, che ha iniziato a lavorare per l’azienda a fine giugno. "Come tutti i neoassunti ero incredibilmente nervosa, soprattutto perché la nuova professione stava iniziando in un momento in cui chiunque lavorava da remoto.

Ciò che siamo riusciti a fare grazie a WeWork mi ha fatta sentire molto meno isolata. È stato molto più facile abbracciare la cultura aziendale e conoscere i miei colleghi incontrandoli di persona.

Brit Ferguson, Senior customer success manager di Slack

“Avevo sentito diverse storie circa le potenziali criticità durante l’inserimento lavorativo di un dipendente da remoto – ha dichiarato Ferguson – ma WeWork mi ha fatto sentire molto meno isolata. È stato molto più facile abbracciare la cultura aziendale e conoscere i miei colleghi incontrandoli di persona."

Un paio di settimane fa Jess Cohen, un’altra senior customer success manager dell’azienda, ha avuto un problema con un cliente e doveva parlare con i tecnici di sistema di Slack per cercare di risolverlo. “Casualmente, si trovavano nello stesso edificio WeWork in cui ero io – ha dichiarato Cohen – ed è stato meraviglioso incontrarci. È bastato poterci sedere attorno a un tavolo, opportunamente distanziati, per elaborare una soluzione. È stato decisamente più facile occuparci del problema lavorando faccia a faccia”.  

I manager dispongono della flessibilità di poter cambiare modalità di lavoro di gruppo, a seconda delle esigenze di ciascuno in un determinato momento. Alcuni possono decidere di riunire il gruppo in un certo giorno o un’ora specifica. Altri possono optare per un incontro settimanale con coloro che vogliono partecipare.

1
2
3
1. La senior customer success manager Jess Cohen parla con i colleghi AJ Mojica e Brit Ferguson. Fermo immagine di WeWork. 2. Incontro in sala conferenze tra l’architetto di sistemi Sean Rabourn e Brit Ferguson. 3. Jess LaTorre e Sean Rabourn discutono di un imminente progetto.

“Poter disporre di un ambiente flessibile ha avuto un valore inestimabile per il nostro lavoro di gruppo" ha dichiarato LaTorre.

Il personale di Slack conferma di sentirsi perfettamente a proprio agio con i protocolli sanitari e di sicurezza che l’azienda, insieme a WeWork, ha attuato per garantire la sicurezza personale e nei confronti degli altri in relazione al COVID-19.

Durante un fine settimana, Cohen ha avuto un po’ di tosse, per cui ha deciso di eseguire un test tramite tampone prima di recarsi in ufficio. “Credo che le persone con cui lavoriamo la pensino allo stesso modo e farebbero lo stesso se accusassero dei sintomi potenzialmente riconducibili al COVID" ha affermato. 

Anche la possibilità di disporre di così tante sedi WeWork nella zona di New York offre alle persone la flessibilità di gestire la propria vita più facilmente, rispetto all’obbligo di recarsi sempre nello stesso ufficio. Se hanno un appuntamento da un medico in un certo quartiere, possono andare a lavorare in una sede WeWork nelle vicinanze. E lo stesso può avvenire se devono accompagnare i figli a scuola o andare a far visita a parenti malati.

Qualche giorno fa, Cohen doveva partecipare a un evento sulla salute mentale presso la sede WeWork 1460 Broadway dopo il lavoro. Ha quindi prenotato una postazione di lavoro in quella sede. “Per tutta la giornata ho potuto presenziare agli incontri virtuali previsti e parlare di persona con alcuni colleghi senza dovermi preoccupare di uscire di casa prima per arrivare in tempo all’evento”, ha dichiarato.

Dipendenti Slack presso la sede WeWork 154 W 14th St di New York.

LaTorre pianifica sempre in anticipo in quale sede WeWork lavorare per sfruttare al massimo la giornata lavorativa. Inoltre apprezza la possibilità di recarsi in altre sedi WeWork del paese grazie a WeWork All Access, quando va in visita a parenti e amici in altre città.

“La possibilità di lavorare in una qualsiasi sede geografica, avendo sempre a disposizione un ufficio dove andare, mi ha consentito di mantenere alta la produttività indipendentemente dalla città in cui mi trovavo” ha dichiarato.

Jo Piazza è un giornalista pluripremiato, autore di bestseller, stratega digitale e conduttore di podcast.

Vuoi riconfigurare il tuo spazio di lavoro?

Questo articolo è stato utile?
Categoria
Membro in evidenza
Tag
ALL ACCESS
AMBIENTI DI LAVORO IBRIDI
NEW WORLD OF WORK