Un mercante d’arte internazionale si sente sempre a casa nelle sedi WeWork

Questo mercante d’arte e oggetti di antiquariato usa WeWork On Demand per cercare motivazione, senso di comunità e vantaggi

Daniel Rootenberg, fotografato nella sede WeWork 154 W 14th St di New York, utilizza WeWork On Demand per gestire Jacaranda Tribal, la sua azienda attiva nel settore dell'arte. Fotografie di Stefanie Delgado/WeWork

Il nostro modo di lavorare è cambiato radicalmente. Le persone non si accontentano di raggiungere un equilibrio tra lavoro e vita privata ma vogliono avere la possibilità di scegliere quando, dove e come lavorare, vogliono essere libere di organizzarsi come meglio credono, di lavorare a ciò che ritengono rilevante e disporre di uno spazio in grado di adattarsi alle loro esigenze specifiche. È finito il tempo in cui le giornate lavorative andavano dalle nove alle sei del pomeriggio per tutti. In Tutti i modi di lavorare i membri WeWork raccontano come stanno reinventando la loro vita professionale e ottenendo successo in questo nuovo mondo del lavoro.

Negli ultimi 15 anni, Daniel Rootenberg, con la moglie Dori, si è occupato di oggetti d’arte e antiquariato provenienti da tutto il mondo. Insieme hanno sempre gestito la loro attività, Jacaranda Tribal, dalla loro abitazione di New York City, realizzando bellissimi cataloghi online di tesori provenienti da Africa, Oceania e Americhe, da rivendere a musei e collezionisti privati di tutto il mondo. La loro casa può diventare una galleria, visitabile su appuntamento.

Anche a seguito della pandemia in corso, che ha stimolato le persone a perseguire nuovi interessi per tenersi occupate, l’attività di Jacaranda ha fatto registrare una rapida crescita. Acquirenti alle prime armi e collezionisti esperti si sono messi alla ricerca di splendide ed uniche opere d’arte da esporre nelle loro case. Daniel attribuisce inoltre il successo dell’azienda a un crescente interesse per il patrimonio culturale e al fatto che le persone sappiano apprezzare maggiormente la provenienza di ognuno di noi.  

Grazie al sempre maggior successo di Jacaranda, Daniel e la moglie trascorrevano quasi tutto il tempo lavorando fianco a fianco nella loro abitazione, senza interagire con altre persone. Ma a un certo punto hanno deciso che non avrebbero più continuato a gestire Jacaranda Tribal esclusivamente da casa. 

"Non volevo assolutamente rimanere a casa 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana. Avevo bisogno di avere più persone intorno a me", afferma Daniel. Così, mentre Dori manteneva la base operativa nel loro appartamento, Daniel si è dedicato ad espandere l’attività. "Ho iniziato a provare WeWork e l’energia che percepivo era davvero notevole. Ci sono così tante aziende giovani in WeWork e si respira un’atmosfera davvero coinvolgente. È esattamente il tipo di ambiente di lavoro che mi serve per sentirmi ispirato e motivato", spiega Daniel.

Rootenberg espone opere d’arte della sua galleria.

Daniel si è iscritto a WeWork On Demand per poter lavorare praticamente ovunque a New York City. Ultimamente è solito recarsi anche nel vicino quartiere di Chelsea. "C’è sempre un posto dove poter lavorare e ci sono enormi vetrate che fanno entrare una luce incredibile – dice Daniel – Inoltre è vicino alla stazione della metro e il personale è sempre molto disponibile e cordiale". Ma proprio la scorsa settimana, dopo aver terminato una cena di lavoro lì accanto, Daniel si è diretto subito verso la sede WeWork 110 Wall Street in modo da poter finire un progetto che stava per scadere. 

Le interazioni e le comunicazioni di persona sono essenziali per mantenermi attivo e per continuare a crescere.

Daniel Rootenberg, mercante d’arte

Nel corso degli anni, mentre aiutava a gestire Jacaranda, Daniel ha lavorato a tempo pieno occupando vari ruoli finanziari in diverse aziende tecnologiche. Inoltre si occupa di consulenza finanziaria per alcune start-up tecnologiche. È anche trustee di Education Africa, un’organizzazione senza fini di lucro impegnata nel consentire ad abitanti del Sudafrica in condizioni svantaggiate di ricevere un’istruzione adeguata e di qualità. Essendo cresciuto in Sudafrica, Daniel continua ad avere uno stretto legame con il suo paese di nascita. Anche quando è lontano, le questioni legate al suo paese e alla sua gente gli stanno a cuore. 

Ora che i viaggi di lavoro sono ripresi, Daniel può incontrare di nuovo i clienti di persona e, quando è in viaggio, si affida regolarmente a WeWork. Ovunque si trovi nel mondo, WeWork rappresenta il comun denominatore. Recentemente ha trascorso un mese in Sudafrica lavorando a un’importante collezione d’arte e si è servito di WeWork The Link come base a Johannesburg.

Le ampie sale riunioni illuminate dalla luce naturale sono uno dei motivi per cui Rootenberg preferisce WeWork.

Per la maggior parte delle giornate Daniel è impegnato al telefono, e ha dichiarato che non ha mai problemi ad avere la disponibilità di una cabina telefonica privata ogni volta che ne richiede una. Finisce per passare la maggior parte del tempo lavorando negli spazi aperti dell’ufficio dove può interagire con altre persone, un’altra delle cose che preferisce delle sedi WeWork.  

Le interazioni casuali si verificano ormai con regolarità. Daniel ha recentemente incontrato un giovane expat sudafricano che sta avviando un’azienda sanitaria, col quale è entrato immediatamente in sintonia, perché hanno scoperto subito di avere davvero molto in comune. "Mi piace partecipare a queste conversazioni. Tutti sono così disponibili e aperti alle opportunità di fare rete che ne derivano – afferma Daniel – Ho così tanta esperienza e competenze da condividere, e so che non troverei così tanta affinità se avessi l’ufficio a casa".

Il fatto di lavorare fuori casa e di avere persone attorno contribuisce a migliorare il suo umore. "In fin dei conti, anche se potrebbe essere una scelta più comoda, non credo che sia mentalmente sano rimanere sempre a casa – sostiene Daniel – Le persone sono esseri sociali e, per me, le interazioni e le comunicazioni di persona sono essenziali per mantenermi attivo e continuare a crescere".

Jo Piazza è un giornalista pluripremiato, autore di bestseller, stratega digitale e autore di podcast.

Vuoi riconfigurare il tuo spazio di lavoro?

Questo articolo è stato utile?
Categoria
Membro in evidenza
Tag
IMPRENDITORI
NEW WORLD OF WORK
ON DEMAND