Una startup del settore dei media che opera da una costa all’altra degli Stati Uniti sceglie WeWork come quartier generale

Indipendentemente dal luogo in cui si trovano, i dipendenti di Meet Cute hanno sempre a disposizione uno spazio di lavoro tranquillo in cui produrre i podcast

Membri del team Meet Cute (da sinistra): Lucie Ledbetter, Naomi Shah, Steph Sanderson, Amanda Zaput e Web Barr, WeWork 222 Broadway, New York. Fotografie di Stefanie Delgado/WeWork

Naomi Shah, 26 anni, lavorava in una società di venture capital a New York City, quando ha avuto l’idea di costituire una startup tutta sua. Come sarebbe stato realizzare la più grande raccolta di commedie romantiche sotto forma di podcast? Nel 2020, Shah ha lanciato Meet Cute, una società a capitale di rischio nel settore dei media, che produce commedie romantiche della durata di 15 minuti, su cui gli ascoltatori possono sintonizzarsi mentre sono in viaggio. 

Ad oggi, la società ha raccolto 9,25 milioni di dollari, pubblicato oltre 350 commedie romantiche e registrato più di 2 milioni di filmati in 150 paesi. Meet Cute, che attualmente ha un organico di 10 persone, è distribuita in tutti gli Stati Uniti, lavora regolarmente con sceneggiatori, registi e produttori nella sede di New York City – WeWork 222 Broadway – e in tutti gli Stati Uniti grazie a WeWork All Access

Necessità di spazio per crescere 

Naturalmente, niente di tutto ciò si è verificato da un giorno all’altro. Meet Cute è nata come incubazione presso l’ex-datore di lavoro di Shah, Union Square Ventures, con altre due persone che Shah aveva incontrato su Twitter, e la rete di investitori: Web Barr, attualmente responsabile dei contenuti di Meet Cute, e Robert Wilder, attualmente responsabile dello sviluppo. Man mano che l’idea di Meet Cute prendeva corpo, Shah si rese conto che era necessario uno spazio di lavoro dedicato

“Mi piaceva l’energia costante e giocosa che si respirava. Ognuno stava costruendo qualcosa, e c’erano tante persone laboriose e motivate.

Naomi Shah, CEO e fondatrice di Meet Cute

“Avevamo bisogno di più spazio, sia dal punto di vista fisico, sia da quello mentale,” ci dice. “Avevamo molte idee, volevamo uno spazio per parlarne.” Alla fine del 2019, stava cercando spazi di lavoro a New York City, ma erano solo in tre, quindi un team non abbastanza numeroso per affittare un ufficio e dover farsi carico della gestione di un ambiente, ci racconta. WeWork è stata la soluzione ideale. 

La prima sede WeWork che Shah, Barr e Wilder hanno visitato si trovava nel West Village. “Mi piaceva l’energia costante e giocosa che si respirava,” dice Shah. “Ognuno stava costruendo qualcosa, e c’erano tante persone laboriose e motivate.” 

La CEO e fondatrice Shah lavora ora dalla West Coast, ma si sposta spesso a New York per incontrare i suoi collaboratori della East Coast.

Il team ha deciso di iscriversi a WeWork All Access, che dà la possibilità di lavorare in centinaia di sedi WeWork in tutto il mondo. All’inizio i collaboratori si spostavano tra gli edifici WeWork di New York City, in base al quartiere in cui dovevano trovarsi in un determinato giorno. “Spesso dicevamo tra di noi: ‘Ehi, lavoriamo a Chelsea oggi e poi andiamo a pranzo’, o ‘Vuoi lavorare a Tribeca oggi e prendere un caffè con qualcuno prima del lavoro?’”

Questo tipo di struttura, che consente di avere un posto dedicato in cui lavorare fisicamente, ha consentito la crescita della società, dice Shah. “Ci ha offerto molta flessibilità fin dall’inizio, in un ambiente di lavoro davvero coerente e professionale. Penso che possa essere un grande vantaggio per molte startup agli inizi avere quel tipo di struttura,” afferma.   

Organizzare un team durante una pandemia 

Il lancio ufficiale di Meet Cute è avvenuto il giorno di San Valentino 2020, un mese prima che iniziassero le chiusure dovute al COVID-19 nel paese e in tutto il mondo. Improvvisamente, il sollievo che una commedia romantica può dare era diventato più necessario che mai. La società ha sperimentato un periodo di adattamento in cui tutti lavoravano da casa, ma alla fine è passata al modello di lavoro ibrido che mantiene ancora oggi. 

Durante la pandemia il team è cresciuto rapidamente, arrivando a sette dipendenti e due collaboratori part-time. Quando sono iniziate le riaperture Shah ha voluto che ci fosse un ufficio in cui i suoi collaboratori potessero scegliere di lavorare. A luglio del 2021, Meet Cute ha aperto un ufficio privato in cui lavorano sei persone nella sede WeWork 222 Broadway a New York City. Il resto del team Meet Cute è distribuito nel paese, e utilizza i pass WeWork All Access. In questo modo, “anche se non si ha a disposizione uno spazio dedicato, c’è comunque uno spazio di lavoro nel quale si può andare per lavorare in tranquillità e potersi staccare un po’ dal lavoro da casa”, afferma. 

Ci si ritrova in uno dei molti saloni della sede WeWork 222 Broadway a New York.

Di pari passo con la crescita della società, WeWork All Access ha risolto più di un problema per il gruppo. Quando Shah si è recata a Los Angeles per un giorno per incontrare alcuni produttori di Hollywood, si è servita di WeWork come base di partenza per il lavoro e le riunioni. A luglio, Shah è volata a Los Angeles alle 6:00 del mattino per un paio di riunioni in presenza e ha potuto condurre le altre riunioni su Zoom presso la sede di WeWork. Dovendo organizzare un’intera giornata di incontri in presenza e su Zoom, le è servito avere una postazione e una cabina telefonica insonorizzata per le riunioni virtuali, ci racconta. 

Coworking intelligente

Ora Shah lavora dalla West Coast, in edifici WeWork a San Francisco e a Portland, Oregon. Uno dei suoi favoriti è WeWork 44 Montgomery a San Francisco, un edificio a più livelli con spazi diversificati che si prestano a diverse modalità di lavoro. 

“Si può sentire l’energia spumeggiante di un piano con più persone o, se si preferisce, godersi un’atmosfera completamente tranquilla,” racconta. "È stato davvero bello, a seconda del tipo di giorno in cui mi trovo, che si tratti di riunioni piene o che sia pieno di tempo. Mi piace essere in grado di curare il mio spazio in base a questo".

Con oltre 350 episodi di commedie romantiche e in continuo aumento, Meet Cute Meet Cute ha prodotto una commedia praticamente su ogni tipo possibile di storia d’amore. Nel corso di una sessione di brainstorming, alla società è stato proposto di realizzare una commedia romantica che si svolgesse in uno spazio di coworking. Sembrava proprio l’ambientazione perfetta per una moderna commedia romantica, afferma Shah. Questa serie in sei parti, intitolata Zoom Zoom, racconta la storia di due donne in carriera troppo impegnate per pensare all’amore, fino a quando non è l’amore a trovarle. 


Una Polaroid del team a New York.

La serie, suddivisa in parti, fa anche luce su cosa è l’amore in tempi di pandemia, quando i modelli di lavoro sono cambiati e sempre più aziende si stanno indirizzando verso modi ibridi o innovativi di lavorare insieme. Naturalmente, lavorare in uno spazio di coworking è servito a ispirare la trama.

Meet Cute ha adottato ora un modello di lavoro ibrido, che prevede che i collaboratori passino due giorni alla settimana in sede a WeWork. “È stato bello lavorare alcuni giorni da casa e altri giorni in ufficio, collaborare con persone che sono da tutt’altra parte e mi piace molto lo spazio della community,” afferma. Ma la aiuta anche a gestire l’azienda in modo più efficiente, creando un senso della community. "[Community managers] diranno: "It’s National Waffle Day", o "Stiamo collaborando con MilkBar", una delle mie panetterie preferite a New York", afferma.

“È davvero bello avere queste possibilità perché, come CEO, non mi occupo spesso di queste cose," dice Shah. "Sto solo cercando di costruire una società.”

Leeron Hoory è uno scrittore di base a New York City che si occupa di immobili, politica e tecnologia. I suoi articoli sono apparsi su Quartz, The Village Voice, Gothamist, Slate e Salon, solo per citarne alcuni.

Vuoi riconfigurare il tuo spazio di lavoro?

Questo articolo è stato utile?
Categoria
Membro in evidenza
Tag
AMBIENTI DI LAVORO IBRIDI
COMMUNITY
IMPRENDITORI