Ecco come sei società tecnologiche utilizzano WeWork

Nell’era del COVID-19 WeWork offre un’assistenza completa, dall’accesso ai nuovi mercati al decentramento

Il COVID-19 ha cambiato il modo di lavorare delle persone e le loro preferenze lavorative. La maggior parte delle aziende è ormai convinta che il futuro del lavoro sarà ibrido

Le società tecnologiche, in particolare, si sono rese conto rapidamente che questo approccio di tipo flessibile presentava vantaggi insperati per quanto riguarda la possibilità di assumere persone capaci, la soddisfazione dei dipendenti e l’utile netto. Quando nel 2020 tutti sono diventati virtuali, molte società tecnologiche hanno beneficiato di una crescita importante. I ricavi di Zoom nel 2020, ad esempio, sono aumentati del 326% rispetto all’anno precedente, e l’azienda prevede una crescita degli stessi del 43% nel 2021. 

Molte società tecnologiche, tra cui Microsoft, Coinbase e Twitter, sono state all’avanguardia nell’adottare un modello di ambiente di lavoro permanente ibrido sin dalla fine dell’estate scorsa. Man mano che queste aziende passano a nuovi modelli di ambienti di lavoro, conoscono una rapida crescita e si espandono in nuovi mercati, si trovano a dover affrontare diverse sfide.

I prodotti e le soluzioni WeWork possono contribuire a realizzare soluzioni con spazi di lavoro flessibili. Essi consentono alle aziende di orientarsi facilmente nelle complessità degli immobili ad uso ufficio su larga scala. Ecco come sei società tecnologiche globali si sono rivolte a WeWork per risolvere alcune delle loro più importanti criticità. 

Una società di servizi Internet riduce i tempi del pendolarismo sui mezzi pubblici

Il problema: una società di servizi Internet con oltre 2.000 dipendenti alla periferia di New York City voleva ridurre il pendolarismo del personale sui mezzi pubblici per recarsi al lavoro presso la sede centrale. Voleva mettere a disposizione dei dipendenti che lavoravano in remoto spazi di lavoro nelle vicinanze delle loro abitazioni ed evitare così i possibili contagi da COVID-19 che potevano aver luogo sui mezzi pubblici.

La soluzione: l’azienda si è rivolta a WeWork per mettere a disposizione del personale residente in città dei pass WeWork All Access, con i quali poter accedere a numerose opzioni di ambienti di lavoro flessibili vicino a casa. Ulteriori spazi dedicati a condizioni flessibili consentono all’azienda di espandere la sua presenza in città.

WeWork 100 University Ave a Toronto.

Il risultato: i dipendenti che lavorano da casa adesso possono accedere a una postazione, a una sala riunioni o a uno spazio aperto nelle diverse sedi WeWork in città. Possono lavorare senza interruzioni in un ambiente ad uso ufficio tranquillo e nel rispetto del distanziamento. I dipendenti possono prenotare le sale riunioni nella sede che preferiscono per collaborare con i colleghi. Di conseguenza, i tempi del pendolarismo sono decisamente ridotti e i dipendenti hanno a disposizione un maggior numero di opzioni per trovare un ambiente di lavoro adatto a loro.

Un’azienda tecnologica globale migliora la produttività

Il problema: una società tecnologica Fortune 100 di New York City voleva ridurre il numero di persone presenti nella sede centrale. Inoltre voleva migliorare la produttività del personale riducendo il pendolarismo e il tempo trascorso per recarsi alle riunioni.  

La soluzione: l’azienda ha messo a disposizione di tutto il personale pass WeWork All Access, espandendo sostanzialmente la sua presenza in città. La stragrande maggioranza dei residenti (il 96%) di Manhattan vive a un quarto d’ora a piedi o in bicicletta da una sede WeWork.

Il risultato: vivendo a pochi minuti a piedi o in bicicletta da una sede WeWork, ogni giorno i dipendenti dell’azienda possono lavorare o incontrarsi dove gli torna più comodo. Di conseguenza il pendolarismo si è ridotto a un quarto d’ora e i lavoratori hanno più tempo a disposizione a tutto vantaggio di una maggiore produttività.

Una società di consegne a domicilio risolve i suoi problemi grazie alla trasferibilità

Il problema: un’impresa di consegne a domicilio si trovava in una situazione di incertezza per quanto riguarda la pianificazione a causa del COVID-19. Al tempo stesso stava conoscendo una rapida crescita e doveva attrarre nuovo personale capace negli USA, in Europa e in Asia. Aveva bisogno di una soluzione flessibile di spazi a uso ufficio per poter attrarre personale capace e adeguare rapidamente le dimensioni per far fronte alle esigenze aziendali in costante cambiamento.

WeWork Gotham Center a Long Island City, New York.

La soluzione: WeWork aveva a disposizione tutto lo spazio che occorreva all’impresa di consegne a domicilio per istituire hub regionali nei luoghi d’interesse, e la capacità di individuare e supportare le mutate esigenze dell’azienda e quelle emergenti. L’impresa si è rivolta a WeWork per mettere a punto una soluzione che la mettesse al riparo dalle incertezze. La trasferibilità (la capacità di un membro di trasferire gli impegni contrattuali tra diversi immobili e servizi WeWork) ha consentito all’azienda di dormire sonni tranquilli. La presa in carico di ulteriori spazi garantisce inoltre all’azienda forti sconti sull’intero parco immobiliare a contratto.

Il risultato: l’ampia disponibilità di prodotti e formule contrattuali proposti da WeWork ha messo l’azienda in condizioni di mettere a disposizione del suo organico globale ambienti di lavoro appositamente progettati. Anche gli spazi espressamente progettati e tutti i servizi messi a disposizione da WeWork consentono all’azienda di cercare e assumere personale capace. 

Una società di fintech ricorre agli ambienti flessibili per far fronte alle mutate esigenze

Il problema: una società di fintech stava rivalutando la sua attuale strategia relativa alla sede e al patrimonio immobiliare in funzione della distribuzione dell’organico e all’adozione di un approccio all’ambiente di lavoro che privilegiasse il telelavoro. L’azienda ha riconsiderato le sue priorità a vantaggio del modello hub-and-spoke, il che ha comportato il ricorso a un maggior numero di spazi flessibili. 

La soluzione: di concerto con WeWork, l’azienda ha messo assieme e personalizzato le offerte di prodotti come gli spazi dedicati e i pass WeWork All Access per mettere a disposizione del personale spazi di lavoro dovunque fossero necessari. La presenza globale di WeWork e le condizioni contrattuali flessibili praticate hanno consentito all’azienda di adeguare facilmente le superfici occupate man mano che se ne presentava la necessità.

WeWork Daimyo a Fukuoka, Giappone.

Il risultato: il modello hub-and-spoke adottato consente ai dipendenti di scegliere dove lavorare, in una sede vicino a casa o vicino all’albergo durante i viaggi di lavoro. Oltre a poter accedere a centinaia di sedi WeWork, i dipendenti possono beneficiare di spazi dedicati in determinate sedi, dove incontrarsi e collaborare con i colleghi. Indipendentemente da dove i dipendenti si recano a lavorare, gli uffici WeWork appositamente progettati consentono di aumentare la produttività e possono contribuire a un maggior attaccamento del personale all’azienda.

Una società di social media al servizio della comunità da uno spazio personalizzato in Brasile

Il problema: una società di social media che si sta espandendo in Brasile è venuta a sapere che nel paese scarseggia il personale tecnico qualificato. Trattandosi di una società altamente innovativa, ha considerato una duplice soluzione: offrire corsi di programmazione gratuiti per le comunità svantaggiate, fungendo al tempo stesso da acceleratore a sostegno di startup locali impegnate nel sociale. Quello di cui aveva bisogno era solamente lo spazio giusto per portare avanti questo progetto.

La soluzione: l’azienda si è rivolta a WeWork per realizzare un ambiente di lavoro personalizzato esteso su un intero piano, con diverse tipologie di spazi: uffici amministrativi, aule didattiche, saloni per la vita sociale e zone di lavoro individuali. Le condizioni contrattuali flessibili hanno consentito all’azienda di adeguarsi facilmente al cambiamento senza dover sottoscrivere onerosi contratti d’affitto a lungo termine.

Il risultato: lo spazio WeWork scelto dall’azienda è un incubatore di capacità tecniche e una fonte importante di supporto alle startup locali, che serve circa 10.000 persone nella comunità ogni anno. La progettazione riconfigurabile e flessibile ha messo l’azienda in condizione di realizzare spazi praticamente per qualsiasi impiego, dai programmi didattici con gruppi all’avanguardia agli ambienti per eventi di rete, discussioni e sessioni di lavoro intensive.

Una società di e-commerce riceve assistenza per accedere a nuovi mercati

Il problema: una società di e-commerce voleva inserirsi su nuovi mercati in luoghi in cui riteneva finanziariamente fattibile aprire delle sedi centrali. Gli speciali requisiti di sicurezza che l’azienda doveva soddisfare e gli ampi spazi di cui aveva bisogno in più sedi globali avrebbero comportato un ingente esborso in termini di investimenti.

La soluzione: l’azienda si è affidata a WeWork per aprire sedi decentrate in località importanti in diversi paesi. Dalle configurazioni che occupano metà piano a quelle disposte su un intero piano di un edificio, fino a quelle disposte su più piani, tutti gli uffici decentrati dell’azienda sono dotati di solide infrastrutture di rete e di sicurezza informatica realizzate su misura. 

Il risultato: le condizioni contrattuali flessibili praticate da WeWork e la diffusa presenza sui mercati globali hanno consentito alla società tecnologica di adeguare rapidamente le superfici locate, riducendo il costo degli investimenti. Il personale di tutte le sedi della società nei diversi paesi può accedere ad ambienti di lavoro dedicati, disponendo di spazi per la collaborazione, l’innovazione e le interazioni sociali. L’uniformità progettuale delle diverse sedi contribuisce a dare un senso di appartenenza culturale, indipendentemente da dove le sedi siano ubicate.

Gli ambienti di lavoro flessibili sono la nuova realtà del futuro del lavoro. Essi dischiudono enormi possibilità di crescita, di soddisfazione del personale, di richiamo delle figure professionali più capaci e di espansione in nuovi mercati. Che si tratti di piccole startup in rapida crescita, di un gigante tecnologico globale Fortune 100 o di una via di mezzo, le condizioni contrattuali flessibili offerte da WeWork e l’ampia disponibilità di sedi nel mondo consentono di realizzare facilmente soluzioni di ambienti di lavoro adatte per qualsiasi esigenza.

Kristen Bailey è una scrittrice e redattrice che vive nella splendida Lincoln, in Nebraska. Il suo intento è aiutare grandi e piccoli marchi a dar vita a storie che raccontano le loro motivazioni.

Ti interessa uno spazio di lavoro? Contattaci.
Questo articolo è stato utile?
thumbs-up thumbs-down