Il vostro ambiente di lavoro è pronto per accogliere la generazione Z?

La generazione Z sta entrando nel mondo del lavoro in un periodo storico caratterizzato da un’incertezza senza precedenti. Supportarla sarà fondamentale

WeWork 1460 Broadway, New York. Foto g.c. da Her Campus Media LLC

La generazione Z ha iniziato a lavorare nel corso di una pandemia globale senza precedenti, che ha completamente modificato le tendenze e le certezze dei percorsi di carriera collettivi. Prima del 2020, sembrava che i giovani avrebbero potuto inserirsi in un mercato del lavoro con bassi tassi di disoccupazione, dopo un decennio di crescita costante. Ma tutto è improvvisamente cambiato.  

Con generazione Z s’intendono i nati dal 1997 in poi. Questo gruppo di ragazzi è cresciuto guardando video in streaming e utilizzando gli smartphone. Adesso, dovranno entrare in un mercato di lavoro completamente rivoluzionato a causa del COVID-19. Il passaggio da studente a dipendente non è mai semplice, ma l’incertezza indotta dalla pandemia rende questo periodo ancora più difficile. Queste sfide hanno avuto effetti negativi sulla generazione Z giunta in età lavorativa, dando origine a elevati livelli di ansia e depressione e rendendola potenzialmente incline al burnout e a cambiare frequentemente posto di lavoro.

Secondo Adobe, entro il 2025 la generazione Z costituirà il 27% della forza lavoro e – che piaccia o no – già ora sta diventando il gruppo di consumatori dominante, nonché elemento trainante dal punto di vista culturale. Le aziende dovranno rivolgersi ai giovani di questa generazione se vogliono rimanere interessanti e competitive. Mentre l’identità della generazione Z si sta ancora delineando, è fondamentale che i datori di lavoro comprendano le sfide uniche che questa generazione deve affrontare e sostengano i giovani all’inizio della loro carriera. Se non lo faranno, rischiano di rimanere indietro nel mercato.

Da chi è formata la generazione Z?

Ancora prima della pandemia, la generazione Z stava crescendo in un clima di incertezza. La Grande recessione era una minaccia incombente. La generazione Z non ha vissuto la crisi economica dal punto di vista professionale ma, fin dall’infanzia, hanno visto genitori e fratelli maggiori alle prese con la perdita di lavoro e le difficoltà finanziarie. Questa precoce esposizione all’incertezza economica ha reso i giovani di questa generazione quanto mai pragmatici e scettici in termini di carriera.

La generazione Z sarà la generazione più istruita della storia, con il 57% iscritto a un corso di laurea (di due o quattro anni) rispetto al 52% dei millennial e al 43% della generazione X. Tuttavia, l’alto livello di istruzione è accompagnato da paralizzanti livelli di indebitamento degli studenti. Secondo Experian, negli Stati Uniti ogni studente medio della generazione Z nel 2020 aveva in media un debito studentesco di 17.338 dollari, più elevato del 39% rispetto a quello del 2019 e ben oltre quelle delle generazioni precedenti.

WeWork Carrera 11B # 99-25 a Bogotà, Colombia.

Diversità, inclusione e responsabilità sociale rappresentano problematiche fondamentali per la generazione Z, che è sulla buona strada per essere definita la generazione più diversificata di sempre dal punto di vista razziale, secondo il Pew Research Center. Si tratta per lo più di giovani che, con maggiore probabilità rispetto al passato, conoscono qualcuno che utilizza pronomi di genere neutro. La metà degli intervistati ha affermato che la società non accetta abbastanza gli individui che non si identificano come "uomo" o "donna", un dato più elevato rispetto a qualsiasi altra generazione. 

Ma la cosa che più preoccupa è il fatto che la generazione Z si trova a fare i conti con la salute mentale molto di più delle generazioni precedenti. Secondo un sondaggio dell’American Psychological Association condotto su 3.409 adulti ad agosto del 2020, gli adulti della generazione Z (di età compresa tra i 18 e i 23 anni) hanno riferito un livello medio di stress di 6,1 su 10, il più alto di tutte le altre generazioni, per le quali gli adulti riferiscono un livello medio di stress di 5. Ben il 75% degli adulti appartenenti alla generazione Z ha riferito di aver manifestato uno o più sintomi della depressione. Lo studio cita come potenziali cause sia l’incertezza dovuta alla pandemia, sia un persistente senso di crisi e di disagio sociale. È chiaro che la generazione Z sta sopportando il peso psicologico di questi tempi incerti.

Cosa cerca la generazione Z nel futuro del lavoro?

Molte delle ansie provate dalla generazione Z ne influenzano l’esperienza sul luogo di lavoro. In un sondaggio condotto da Adobe nel 2021, il 59% degli intervistati appartenenti alla generazione Z ha dichiarato di non essere soddisfatto del lavoro svolto. La fatica per raggiungere un equilibrio tra lavoro e vita privata, le lunghe ore lavorative, lo stress dovuto alle scadenze e la mancanza di flessibilità sono alcune delle principali cause di insoddisfazione, con il 57% che afferma di sentirsi sotto pressione perché tenuto a essere reperibile in ogni momento della giornata.

Quindi che cosa si aspetta la generazione Z dal mondo del lavoro? La risposta è articolata e suggerisce una possibile gratificazione data da giornate lavorative scaglionate in grado di soddisfino gli alti e bassi della produttività dei lavoratori. Dal sondaggio Adobe si deduce che il 62% di giovani di tutto il mondo appartenenti alla generazione Z intervistati ha dichiarato di sentirsi stressato all’idea di lavorare dalle 9:00 alle 18:00, sentendosi più produttivo in altre ore della giornata. Il 26% ha dichiarato di sentirsi più produttivo dalle 18:00 alle 3 di notte, quasi 10 punti percentuali in più rispetto a qualsiasi altra generazione analizzata nello stesso periodo. 

WeWork Carrera 12a #78-40 a Bogotà, Colombia.

La ricerca dimostra che la generazione Z è favorevole al ritorno all’ufficio ma non a tempo pieno. Questo dato potrebbe derivare dal 72% di dipendenti appartenenti alla generazione Z che a casa non dispongono di uno spazio da dedicare all’ufficio e dall’86% che condivide l’abitazione con almeno un altro adulto. I dipendenti intervistati preferiscono i vantaggi sociali del lavoro in presenza e il 41% identifica nel tutoraggio un aspetto che viene a mancare quando si lavora da remoto. Secondo un sondaggio condotto da YouGov, il 50% circa si preoccupa del fatto che il lavoro da remoto stia compromettendo l’avanzamento di carriera e la possibilità di ottenere promozioni. Il 20% preferisce lavorare in ufficio ogni giorno, il dato più alto rispetto a qualsiasi altra fascia d’età, ma il 70% preferirebbe una configurazione basata sul lavoro ibrido.

I dipendenti della generazione Z vogliono di più dal mondo del lavoro, non solo orari flessibili. In un sondaggio condotto nel 2019 dal Workforce Institute, il 51% degli intervistati della generazione Z ha dichiarato di essere motivato da un lavoro piacevole. Con il 57% che afferma di aspettarsi di ottenere una promozione una volta all’anno, anche l’avanzamento di carriera e il riconoscimento professionale diventano grandi motivatori.

L’elevata insoddisfazione sul lavoro conduce questa generazione a un importante rischio di fuga. Secondo Adobe, il 74% ha dichiarato che cambierebbe posto di lavoro per ottenere un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata, il 66% ha affermato che preferirebbe poter avere un maggiore controllo sull’orario di lavoro e il 63% che passerebbe al lavoro da remoto. 

In che modo le aziende possono supportare i giovani della generazione Z che si affacciano al mondo del lavoro?

Questa generazione ha molto da offrire ai datori di lavoro. Si tratta di esperti in ambito digitale, hanno una visione del mondo consapevole delle problematiche sociali e un livello di istruzione più elevato rispetto alla forza lavoro attuale. Per attirare e supportare dipendenti della generazione Z, i datori di lavoro dovrebbero pensare a concentrarsi su tre aree principali: fiducia e tutoraggio, diversità e inclusione, salute mentale. 

WeWork Botanic a Bruxelles, Belgio.

Ampliare le opportunità di tutoraggio

Sondaggio dopo sondaggio, i lavoratori della generazione Z hanno dichiarato un interesse per il tutoraggio ed opportunità di crescita sul lavoro. Un sondaggio condotto dal Workforce Institute nel 2019 ha rilevato che il 44% preferiva lavorare in presenza insieme ai colleghi, il 43% aveva dichiarato di preferire la formazione pratica e l’orientamento in presenza, mentre il 75% preferiva ricevere feedback dal superiore direttamente. La fiducia è fondamentale: il 47% afferma di volere un leader in grado di fidarsi dei collaboratori, la cosa più importante nell’elenco delle caratteristiche che dovrebbero contraddistinguere i dirigenti. 

Dare importanza a diversità e inclusione

Questa generazione non è interessata agli aspetti superficiali, quando si parla di diversità e inclusione. Cercano aziende con una leadership e prassi aziendali etiche. Molti ritengono che le minoranze non siano ben rappresentate sul posto di lavoro. Questo problema ha un grande peso quando considerano le opportunità professionali. In un sondaggio condotto da Tallo a settembre del 2020, su oltre 5.000 studenti delle scuole superiori e dei college, il 69% degli intervistati ha dichiarato che – nella ricerca di un lavoro – sarebbe molto più interessato a fare domanda presso un’azienda che dia importanza alla diversità e all’inclusione. Uno su tre ha riferito di aver evitato opportunità di lavoro in posti in cui sospettava che sarebbe stato trattato ingiustamente a causa del genere, dell’etnia o della razza. Dai processi di assunzione e promozione fino alle modalità di operare di un’azienda, è fondamentale che i valori della diversità e dell’inclusione svolgano un ruolo chiave.

Offrire più servizi per la salute mentale

A causa dei livelli sorprendenti di ansia e depressione rilevati nella generazione Z, è fondamentale che i datori di lavoro diano priorità alla salute mentale dei dipendenti. In un sondaggio condotto da Gallup prima della pandemia, la generazione Z si è concentrata sul benessere, considerato la priorità numero uno sul posto di lavoro. Un terzo, il 31%, desidera che i datori di lavoro prevedano giornate dedicate alla salute mentale, mentre il 37% vorrebbe orari di lavoro flessibili

Anche i benefit tradizionali sono importanti. Nello stesso sondaggio, il 44% ha dichiarato di apprezzare maggiormente i benefit per l’assistenza sanitaria rispetto al tempo libero retribuito, quando prende in considerazione un’offerta di lavoro. Un’assistenza sanitaria di qualità significa piani previdenziali in grado di coprire servizi per la salute mentale. 

Nonostante le complesse statistiche sulla salute mentale, la generazione Z continua a sperare: il 64% riferisce di sentirsi ottimista per il futuro. Forse questa speranza è quello che impedisce di accontentarsi di posti di lavoro che non corrispondono alle esigenze individuali. Secondo Adobe, il 56% ha dichiarato che probabilmente cercherà un nuovo lavoro nel prossimo anno; si tratta di 7 punti percentuali in più rispetto ai millennial e 25 in più rispetto alla generazione X. Un sondaggio Bankrate di agosto 2021 colloca questo numero a un impressionante 77 percento. Sebbene una tale quantità di dimissioni sia poco probabile, è chiaro che i lavoratori della generazione Z sono più inclini a lasciare il posto di lavoro rispetto a qualsiasi altra generazione.

Ogni generazione deve affrontare determinati ostacoli e quelli che riguardano la generazione Z appaiono preoccupanti. Questo tipo di avversità ha dato vita a una generazione pragmatica e indipendente, pronta a costruire un futuro migliore non solo per sé, ma anche per i lavoratori più anziani e per coloro che li seguiranno. Il fatto che, in futuro, un’azienda potrà essere in grado di venire considerata tra le scelte professionali dei dipendenti o meno sarà determinato dalla sua capacità di attribuire importanza alla salute mentale, alla diversità, al tutoraggio e alla flessibilità.

Bradley Little è uno scrittore e produttore video che vive a New York.

Vuoi riconfigurare il tuo spazio di lavoro?

Questo articolo è stato utile?
Categoria
Studi di ricerca
Tag
ACQUISIZIONE E MANTENIMENTO DEI TALENTI
FLESSIBILITà
GESTIONE