Cinque modi in cui le grandi aziende traggono vantaggio dalla versatilità del patrimonio immobiliare di WeWork

Dalle sedi centrali agli spazi innovativi, ecco come la flessibilità del patrimonio immobiliare consente alle aziende di raggiungere i loro obiettivi

Le grandi aziende non sono tutte fatte allo stesso modo. Esistono numerose differenze tra un colosso globale della tecnologia e una banca di investimento, tra un operatore della grande distribuzione di fascia alta e un produttore di automobili. Ma ogni grande azienda può trarre vantaggio da una maggiore versatilità. 

La capacità di lavorare velocemente, cambiare direzione e far fronte alle sfide che si presentano può essere la sua risorsa più preziosa. Versatilità significa raggiungere rapidamente i clienti in nuovi mercati, offrire ai potenziali dipendenti l’opportunità di lavorare su progetti innovativi, investire nelle più recenti tecnologie e innovare l’offerta di prodotti per venire incontro alla domanda del mercato. Non sorprende che il 70% delle organizzazioni più versatili si collochi nel primo quartile della salute organizzativa, il più forte indicatore di prestazioni positive a lungo termine secondo McKinsey.

Anche i beni immobili possono essere versatili e consentire alle imprese di adattare i loro portafogli in base alle esigenze di salute e crescita dell’attività, riducendo nel contempo gli investimenti iniziali di capitale e limitando il rischio. 

Oggi, oltre un terzo delle società Fortune 500 sfrutta le versatili soluzioni immobiliari di WeWork per il raggiungimento degli obiettivi aziendali. Vediamo come.

1. Sede centrale: Oscar Health

La rapida crescita aveva portato la compagnia di assicurazioni high-tech Oscar Health ad espandersi con successo, ma nel 2018 nella sede centrale di New York non c’era più abbastanza spazio per tutto il personale. Come soluzione, Oscar Health ha scelto WeWork per procurarsi, progettare e costruire un nuovo spazio. 

Nel maggio 2019 Oscar ha trasferito più di 500 dipendenti nel nuovo quartier generale a One Hudson Square, nel centro di Manhattan. L’ufficio riflette il brand e racchiude tutte le caratteristiche desiderate dall’azienda: la disposizione open space offre svariate aree di lavoro funzionali, dalle singole cabine alle aree lounge aperte, per favorire stili di lavoro diversi.

Grazie alla collaborazione con WeWork, Oscar è stata in grado di risparmiare tempo e denaro. “Lavorare con WeWork per risparmiare sui costi, essere più efficienti in termini di tempo e semplificare l’intero processo è stato un successo per tutti e tre questi obiettivi”, afferma Charlie Mirisola, responsabile della gestione degli spazi di lavoro presso Oscar.

2. Sede regionale: Slack

Slack, lo strumento di comunicazione aziendale, fornisce una piattaforma digitale per il libero flusso di informazioni pertinenti tra i dipendenti. La società ha sede nel centro di San Francisco ed ha uffici in 10 città del mondo, da Vancouver a Tokyo. Slack garantisce tuttavia che tutti gli uffici regionali soddisfino i loro requisiti unici e si presentino come un’estensione della sede centrale.

Nel valutare i partner immobiliari per espandere ulteriormente la propria presenza, Slack ha considerato solo quelli i cui valori e approccio erano allineati ai propri. Cercava inoltre soluzioni immobiliari flessibili che non vincolassero il denaro disponibile con un contratto di locazione tradizionale di 10-15 anni. 

“Per qualsiasi azienda, le spese in conto capitale sono fondi che non vengono spesi per ricerca e sviluppo, per marketing o per il personale”, afferma Deano Roberts, vicepresidente di Slack per gli spazi di lavoro e i beni immobili a livello globale.

Ecco perché, quando è arrivato il momento di stabilire una sede regionale a New York, Slack si è rivolto a WeWork.

Il team newyorkese di Slack risiede ora in uno spazio WeWork privato e personalizzato in un quartiere privilegiato. Lo spazio di lavoro è accogliente, invitante e rifinito con il marchio e le grafiche personalizzate di Slack. 

“Quando guardo i luoghi di lavoro più significativi e di grande impatto, penso che ci sia un profondo allineamento tra strumenti, cultura e spazi”, afferma Roberts. “Slack è un hub di collaborazione in cui le persone possono incontrarsi per lavorare al meglio. E WeWork ne è una dimostrazione concreta.”

3. Hub di innovazione: Standard Chartered

Nel 2018 Standard Chartered, una società di servizi finanziari multinazionale, ha lanciato SC Ventures. Questa business unit è stata incaricata di guidare l’innovazione digitale, investire in tecnofinanza e startup e guidare nuovi modelli di business, allo scopo di migliorare l’esperienza bancaria del cliente. L’azienda aveva un ufficio al nono piano della Standard Chartered Tower di Hong Kong, ma c’era bisogno di una completa ristrutturazione per ispirare il team SC Ventures a lavorare a un livello di eccellenza.

Standard Chartered ha deciso di collaborare con WeWork per trasformare quel piano in uno spazio di lavoro collaborativo, adatto all’innovazione, denominato “eXellerator Lab”. 

Il dott. Michael Gorriz, Chief Information Officer di Standard Chartered, spiega: “Il termine “eXellerator” deriva da due parole: ‘accelerazione’ nel cambiamento ed ‘eccellenza’ nel servizio clienti.” L’eXellerator Lab comprende aule flessibili, diversi tipi di sale riunioni e un ampio salone per ospitare una vasta gamma di eventi e workshop quotidiani.

“L’eXellerator di Hong Kong ci permette di raccogliere idee, abilità e, soprattutto, persone (clienti, imprenditori di tecnofinanza, colleghi della banca) per promuovere l’innovazione,” sostiene Alex Manson, direttore generale di SC Ventures, Standard Chartered.

4. Spazio temporaneo per i team in trasferta: Microsoft

Il team di vendita Microsoft di New York City lavorava dal quartier generale dell’azienda: una sede WeWork a Times Square. Ogni giorno, centinaia di membri del team si disperdevano per l’intera area di New York per riunioni di vendita. Tuttavia, tutto quel tempo impiegato in spostamenti tra le riunioni e la sede centrale faceva perdere preziose ore di lavoro.

WeWork ha proposto una soluzione: l’accesso a WeWork, che avrebbe consentito a 300 dipendenti di lavorare da qualsiasi sede WeWork a Manhattan, Brooklyn e Queens

“Abbiamo iniziato a pensare ai vantaggi per i nostri team, che poi è quello che ci interessa come azienda”, afferma Matt Donovan, direttore generale di Microsoft.

La possibilità di lavorare da qualsiasi sede WeWork ha completamente trasformato l’esperienza dei dipendenti per il colosso della tecnologia. Infatti, il 92% dei dipendenti Microsoft intervistati è soddisfatto delle sedi WeWork in cui ha lavorato; l’84% degli intervistati ritiene che l’accesso alle sedi WeWork li renda più produttivi e il 74% afferma che l’accesso a WeWork consente loro di avvicinarsi ai clienti.

5. Opportunità di sviluppo commerciale: Royal Bank of Canada

RBC presso WeWork, 1 University Ave a Toronto. Fotografia di The We Company

Sfruttando le sedi WeWork per aumentare rapidamente la versatilità dei team di progetto nelle principali città del mondo, la Royal Bank of Canada (RBC) ha scoperto come utilizzare appieno queste risorse: tutta la community di WeWork composta da oltre 400.000 membri, dagli imprenditori alle grandi aziende internazionali, potrebbe beneficiare dell’esperienza finanziaria e commerciale di RBC.

Nel settembre del 2017 RBC ha lanciato degli hub di consulenza nelle sedi WeWork di Toronto e Montreal. Da questi hub i dipendenti di RBC possono fornire supporto ai membri di WeWork, sia che si tratti di richiedere un prestito, ottimizzare la propria struttura patrimoniale o aumentare il personale.

Questa collaborazione si è rivelata vincente. I membri di WeWork ricevono preziose consulenze finanziarie a costo zero e la collaborazione con i loro clienti consente ai dipendenti di RBC di “comprendere le esigenze commerciali e finanziarie dei clienti a un livello più profondo”, afferma Niranjan Vivekanandan, vice presidente strategia e commercial banking presso RBC.

Per tutti questi motivi e altro, le versatili soluzioni immobiliari di WeWork possono supportare qualsiasi obiettivo aziendale. Parliamo di come possiamo, insieme, costruire il futuro del lavoro.

Marnie Williams è responsabile globale per i contenuti di marketing in WeWork. Si occupa della confluenza di aziende e immobili. In precedenza, ha creato editoriali e video data-driven per Oracle.

Interested in workspace? Get in touch.