Come una funzionaria di vendita ha trovato un nuovo modo di lavorare e nuovi spazi di lavoro

Lavorare in un appartamento affollato non era certo l'ideale. All Access ha reso possibile il prezioso equilibrio tra lavoro e vita privata

Il nostro modo di lavorare è radicalmente cambiato. Le riunioni virtuali e lo smart working sono diventati la nuova normalità lavorativa. Come fanno le persone a mantenere un equilibrio tra lavoro e vita privata quando non c’è separazione tra l’ambiente domestico e quello destinato al lavoro da casa? Come possono rimanere concentrate e gestire al tempo stesso le preoccupazioni relative a salute e sicurezza? InIl nuovo mondo del lavoro, le persone condividono le loro esperienze su come affrontare la vita professionale, ottenendo anche buoni risultati, ricorrendo a strumenti come WeWork All Access nella nuova situazione che si è venuta a creare.

Durante tutta la pandemia, Sarah Crabbe aveva mantenuto un atteggiamento positivo nei confronti dello smart working che le era stato imposto fino all’inizio di settembre. Dopo aver lasciato l’appartamento di New York dove vive con il marito e un bambino di quattro anni, ed essersi trasferita per l’estate in un ambiente più grande nel New Jersey, Sarah, che ricopre l’incarico di vicepresidente con mandato alle vendite pubblicitarie, ha cercato di adeguarsi alla politica della sua azienda. Ma alla fine dell’estate ha saputo che avrebbe dovuto continuare a lavorare da remoto almeno fino a marzo del 2021. 

“Quando sono tornata in città per il fine settimana prima del Labour Day, mi sono detta – Qui bisogna trovare una soluzione, perché così non può andare avanti”, ha dichiarato.

Per lei, come per molte altre famiglie, il COVID-19 aveva bruscamente interrotto un ritmo di lavoro perfettamente rodato, che prevedeva la sveglia alle 5.40 e l’uscita da casa alle 6 per una sessione di allenamento alla sbarra. Il figlio di solito si svegliava più o meno quando lei rientrava a casa, il che le consentiva di avere abbastanza tempo per prepararsi per la giornata e uscire entro le 8.30 per arrivare in ufficio a Midtown prima delle 9. Da quel momento, la giornata era tutto un susseguirsi di riunioni, incontri con i clienti e lavoro in ufficio fino alle 18. 

Quando sia lei che il marito hanno iniziato a lavorare da casa lo scorso marzo, si svegliava insieme a suo figlio (“… un po’ troppo presto, ma va bene così”, dice). Dopo un workout online, Sarah e il marito predisponevano la postazione di lavoro affinché il figlio potesse partecipare alle lezioni della scuola materna, per poi iniziare a fare telefonate. 

Data l’imprevedibilità del programma pre-scolastico del figlio (un modello ibrido che è diventato completamente remoto a novembre), non si trattava esattamente di una situazione ideale. “Mio marito è sul letto, e io sono qui in un angolo della camera, mentre la tata è in salotto con nostro figlio, e si stanno preparando a uscire, dopodiché io e mio marito potremo lavorare in stanze diverse”, ha detto Sarah. 

Nonostante il forte senso del lavoro, Sarah ha dovuto fare i conti con le distrazioni tipiche del lavoro da casa, come “lasciami solo riordinare i cassetti, sistemare i libri, mezz’ora per pulire il bagno”. Il suo appartamento non era “certo l’ambiente di lavoro migliore”. Aveva bisogno di uno spazio più adatto al lavoro.

Alcuni studi dimostrano che lavorare da casa durante la pandemia all’inizio sembrava qualcosa di positivo. McKinsey ha dichiarato che l’80% delle persone apprezzava il lavoro da casa; BCG ha evidenziato che il 75% dei lavoratori dichiarava di essere in grado di mantenere o migliorare la produttività durante i primi mesi della pandemia. Con il passare del tempo, però, secondo un recente studio condotto da WeWork e brightspot strategy, si è registrato un calo significativo a livello di rendimento e di soddisfazione personale. Secondo questo studio, la maggior parte degli intervistati (90%) avrebbe desiderato tornare in ufficio almeno un giorno alla settimana. Un rapporto di Oracle ha rilevato che l’85% delle persone ha riferito che durante il COVID-19, i problemi riscontrati in un ambiente di lavoro da remoto provocano perdita di sonno, condizioni di salute precarie, riduzione del benessere in famiglia e crisi dei rapporti interpersonali.

A settembre, un amico e membro WeWork ha consigliato a Sarah di rivolgersi a WeWork. “WeWork è stata davvero l’unica cosa che ho preso in considerazione perché conoscevo qualcuno che aveva avuto un’esperienza positiva”, ha dichiarato. L’iscrizione a WeWork All Access era stata appena effettuata: una formula di abbonamento che consente ai membri di accedere agli spazi di lavoro in centinaia di sedi WeWork in tutto il mondo. 

Poiché l’iscrizione le dà la possibilità di lavorare da un numero illimitato di sedi, Sarah è riuscita a utilizzare gli spazi ovunque la portassero impegni lavorativi o personali. E dal momento che vive nel centro di New York, di solito si reca nelle sedi WeWork 200 Broadway o WeWork 11 Park Place. Ma un giorno, dopo un appuntamento dal dentista in Midtown, ha usufruito di quella in 450 Lexington Ave; un altro giorno, dopo aver pranzato con un amico, è stata nella sede di 12 East 49th St.

Sarah ha potuto apprezzare il design agile e spazioso della sede di 200 Broadway, così come gli angoli accoglienti e i phone booths che consentono di effettuare telefonate e riunioni private. Le piace il fatto che lo spazio sia “tutto finestre” e ricordi vagamente il suo vecchio ufficio, che aveva una grande finestra. Quando ha bisogno di una sala riunioni si orienta verso la sede di 11 Park Place

È contenta di avere finalmente uno spazio dedicato al lavoro. “La parte divertente è che – quando tutti lavoravamo nei nostri uffici – c’erano sempre persone che entravano nel tuo ufficio e ti facevano fare una pausa con quattro chiacchiere”, ha dichiarato. “Ma erano pause di cui avevi bisogno, ora lo capisci. [Eppure] adesso, quando vado in una sede WeWork, dal momento che non conosco nessuno, avverto comunque quella sensazione di ‘mi sento concentrata. Sono in un ufficio, il che è il massimo’.” 

I community team sono stati una parte essenziale della sua esperienza. “Sia nella sede di 11 Park Place, sia in quella di 200 Broadway, ho chiesto di essere accompagnata nel corso della mia prima visita”, ha detto. “Sono stati veramente professionali!”

Grazie all’iscrizione a WeWork All Access, Sarah ha trovato un nuovo modo di lavorare perfetto per le sue esigenze. Di solito si reca nelle sedi WeWork il lunedì, il giovedì e a volte anche il mercoledì, solitamente per mezza giornata o per tutto il tempo che il lavoro richiede. Approfitta delle sedi WeWork nelle giornate di maltempo, o quando sa di avere un programma denso di video call e scadenze remote.

Suo figlio rientra dalle varie attività (parco, giochi) intorno alle 17, e questo per Sarah è il “momento di spegnere il computer”. Anche gustare un buon bicchiere di vino sancisce che è giunto il momento di mettere fine alla giornata di lavoro. 

“Credo che l’abitudine di uscire di casa sia una delle cose che preferisco”, ha detto. Uscire di casa ha inoltre consentito a lei e al marito di chiacchierare piacevolmente dopo il lavoro; ora possono chiedersi l’un l’altro: “Com’è andata? Che cosa hai fatto oggi?” proprio come succedeva prima. “Ho sentito persone affermare: ‘La famiglia è tutto’, ma non dovrebbe essere l’unica cosa. Per questo ci piace avere la possibilità di uscire di casa per andare al lavoro o per fare un lungo giro in bicicletta”, sostiene, aggiungendo che c’è un’enorme differenza tra condividere un appartamento di 85 metri quadrati, come quello dove vive con la sua famiglia, o un’abitazione che si sviluppa su tre piani e un seminterrato.

Grazie alla nuova modalità di lavoro, è fiduciosa che se la scuola di suo figlio tornasse alla modalità remota al 100% non sarebbe così gravoso come durante il primo lockdown. Tenendo conto del nuovo modo di lavorare, Sarah afferma che utilizzerà ancora di più gli spazi WeWork. 

Angelica Frey è una scrittrice e traduttrice che si occupa di arte, moda e cibo. Originaria di Milano, attualmente vive a Brooklyn.

Ti interessa uno spazio di lavoro? Contattaci.
Questo articolo è stato utile?