Innovare in modo dirompente

di Veresh Sita, direttore generale di Powered by We, Advisory, WeWork.

Ogni azienda deve innovare per sopravvivere—e ciò può rappresentare una sfida. Tuttavia, esistono alcune strategie per creare un ambiente che spinga alla necessità di cambiare e promuova la cultura dell'innovazione.

Gli uffici WeWork per la Gas Tower Company di Los Angeles

Sappiamo bene che l'innovazione è indispensabile per la sopravvivenza. Alcune aziende sembrano padroneggiare perfettamente l'arte dell'innovazione: sono in grado di abbattere muri, costruire prodotti, arrivare velocemente al punto e disgregare interi settori economici. Ma, per molte altre, l'innovazione è una sfida complessa, spesso ostacolata da processi, regolamentazioni e persone.

In qualità di leader globale, come incoraggi il tuo team a innovare in modo dirompente?

Si dice che la necessità aguzza l'ingegno. Sono cresciuto in Sud Africa, dove, per me, arrangiarsi con poco era uno stile di vita. Dovevamo ottenere il massimo da quel poco che avevamo a disposizione. Facevamo innovazione continuamente, senza neppure accorgercene.

La maggior parte delle imprese non ha problemi di scarsità: pur tenendo a distanza gli elementi sregolati, dispongono comunque di vasti capitali e risorse. Non c'è da stupirsi se non sono capaci di innovare. Ma la verità è che non hanno generato un impellente bisogno di fare qualcosa di diverso. Comunque, ho scoperto che esistono alcune strategie per creare un ambiente che spinga alla necessità di cambiare e promuova la cultura dell'innovazione.

Cambia il negativo in positivo

Scarsità. Sregolatezza. Fallimento. Queste tre parole hanno tendenzialmente connotazioni negative. Ma ognuna di esse risulta positiva se inserita in un contesto di innovazione.

Quando sentono la parola scarsità, le persone pensano che verranno private delle risorse necessarie per avere successo. Ma le startup sanno bene che operare in condizioni di scarsità favorisce il pensiero creativo, che è entusiasmante e corroborante e può infondere nei team una forte motivazione.

Essere agili è un altro concetto sottovalutato: agilità e velocità non significano essere frettolosi o imprecisi. L'innovazione richiede velocità, rapidità, agilità e la capacità di cambiare direzione, e la sregolatezza in questo senso aiuta. Essere “agile” significa riuscire a raggiungere i propri obiettivi con poche risorse e senza perdere tempo.

Ogni processo aziendale è volto al successo ma quando tutti gli aspetti di una situazione sono a prova di fallimento, non c'è spazio per la creatività e per spingersi oltre i limiti. I leader devono ribaltare questo approccio e costruire un ambiente a prova di fallimento nel quale i dipendenti siano incoraggiati a mettere alla prova nuove teorie, analizzare i risultati e riprovare ancora. Quando il fallimento viene visto come “apprendimento accelerato”, è proprio lì che avviene l'innovazione.

Quando il fallimento viene visto come “apprendimento accelerato”, è proprio lì che avviene l'innovazione.

Veresh Sita, Direttore Generale di Powered by We, Advisory, WeWork

Pensa come un venture capitalist

Ogni leader dovrebbe comportarsi come un venture capitalist (VC), I VC tendono a sentirsi a proprio agio con il rischio: quando investono nelle startup, sanno bene di avere a che fare con imprese in costante evoluzione. Le lasciano agire perché sono convinti che tutto ciò che impareranno li aiuterà ad avere successo. Se tutti gli imprenditori adottassero questo tipo di approccio, darebbero ai loro team la libertà di cui hanno bisogno per apportare innovazione.

Nel corso della mia carriera ho fatto mio questo tipo di approccio e ottenuto risultati incredibili. Un esempio risale a quando ricoprivo il ruolo di CIO per Alaska Airlines. Offerte e sconti sui voli sono tra i benefici più apprezzati dai dipendenti delle compagnie aeree. Tuttavia, non era semplice per loro prenotare i propri voli. Per risolvere questo problema ho creato un team estremamente motivato e dato loro un certo budget e la completa libertà di agire come una startup. Ho nominato un leader e l'ho autorizzato a comportarsi come avrebbe fatto il CEO di una startup. Ben presto il team ha creato prototipi, allestito laboratori per la user experience, dato vita a partnership con aziende locali ed effettuato dimostrazioni durante alcuni eventi di team. Insieme hanno risolto problemi di tipo politico, tecnico, personale e di budget. Alla fine, il loro duro lavoro ha dato vita a un'app funzionale per dispositivi mobili chiamata Hopper, con un'interfaccia Web e un team dedicato.

Più importante, il successo di Hopper ha generato una cultura dell'innovazione ancora più forte, nella quale i dipendenti sono incoraggiati a sviluppare soluzioni per migliorare l'esperienza dei clienti e dei dipendenti stessi.

Crea spazio fisico che incentivi l'innovazione

L'innovazione non è solo una mentalità o un processo; anche gli spazi fisici in cui si muovono i team giocano un ruolo importante. Le persone tendono ad adattare il proprio comportamento all'ambiente circostante. Ad esempio, se porto qualcuno in un luogo di culto, a un concerto o in libreria, è molto probabile che quella persona si comporti in modo diverso in ciascuno dei tre ambienti. Ogni ambiente ispira un diverso ventaglio di sentimenti, emozioni, processi di pensiero e schemi di comportamento derivanti dalle persone che lo vivono.

Quando parliamo di innovazione e startup, l'immagine che viene sempre riproposta è “tre ragazzi in un garage”. Alcune tra le startup di maggior successo in tutto il mondo sono nate in un garage: Amazon e Apple, tanto per nominarne un paio. Il motivo è semplice: il garage è un ambiente tranquillo. È informale, accogliente e privato; è come un'estensione della casa. Ed è flessibile: quando il tuo ufficio è in garage, puoi decidere da solo i tuoi orari. Puoi uscire, alzarti e spostarti nelle altre stanze Sei libero di lavorare come preferisci. Questo tipo di libertà favorisce il pensiero creativo senza il timore del giudizio altrui.

Quando le persone si sentono costrette da vincoli di tempo e spazio, non riescono a esprimere la propria parte creativa. Se Jeff Bezos e Steve Jobs fossero stati costretti a lavorare in spogli cubicoli grigi, molto probabilmente non avrebbero raggiunto gli stessi livelli di innovazione. Con questo, non vogliamo certo dire che i team dovrebbero lavorare in garage. Ma è importante eliminare le costrizioni in termini di tempo e spazio e offrire alle persone un ambiente in cui si sentano libere di pensare e creare senza inibizioni.

WeWork di Ciyunsi, Pechino

Crea team variegati

La varietà è, forse, l'ingrediente fondamentale dell'innovazione.

Siamo la somma delle esperienze della nostra vita. Cultura, genere, religione, orientamento sessuale, luogo di origine, lingua, educazione e istruzione, tutte insieme, influenzano la nostra prospettiva sulle cose.

Persone dello stesso tipo andranno tutte nella stessa direzione. Ma per raggiungere il successo è indispensabile esplorare.

In fondo, innovare non significa altro che risolvere i problemi. Se il tuo team avrà le condizioni ideali per affrontare ogni sfida, arriverà a proporti soluzioni creative che non avresti mai neppure immaginato.

Scopri come WeWork collabora con le imprese per creare ambienti che ispirino l'innovazione.

Continua a leggere

WeWork è un fornitore globale di spazi di lavoro che progetta, costruisce e gestisce luoghi stimolanti per aziende di ogni dimensione. Leggi le nostre storie e partnership qui.